SCIARPA INVERNALE CFC !!

E' tornata la sciarpa invernale con i simboli della città! Per qualunque info scriveteci una mail o un messaggio sulla ...

Braccialetti "Carrarese 1908"

Sono tornati i braccialetti in silicone, adesso anche nella colorazione gialla e nella nuova taglia più piccola adatta ai ragazzi !! Si...

TESSERAMENTO 2019

Sono aperte le iscrizioni all'Associazione CARRARESE FAN CLUB per l'anno sociale 2019. La tessera ha validità per l’anno solare (scadenza...

Prossima Gara

14-12-2019 20:45
 
Carrarese - Pianese

News Fan Club

Bomber Tavano entra e rilancia la Carrarese

All’ultimo tuffo, al 50’ Ciccio Tavano trasforma il rigore della vittoria e scaccia le streghe allo stadio dei Marmi sotto un violento acquazzone regalando alla Carrarese una vittoria soffertissima dopo un match da batticuore e con gli azzurri che stavano per dilapidare ancora una volta il doppio vantaggio.

Avanti di due gol dopo una ventina di minuti, la Carrarese si era fatta rimontare con la rete del pari di Comi a cinque minuti dalla fine con la Pro Vercelli ridotta in dieci dal 32’ della ripresa per l’espulsione di Masi. Due madornali errori difensivi avevano rimesso in carreggiata la formazione di Gilardino. Poi all’ultimo secondo dei cinque minuti di recupero Cecconi nel tentativo di liberare l’area ha colpito la sfera con il gomito e l’arbitro De Tommaso ben appostato non ha avuto dubbi nell’indicare il dischetto. Dagli undici metri col pallone che scottava si è presentato Tavano che ha realizzato con un tiro a mezza altezza alla sinistra di Moschin. Tre punti davvero pesanti per la Carrarese che si rilancia in classifica e raggiunge il quinto posto a sole due lunghezze dalla seconda posizione occupata in condominio da Renate e Pontedera che deve però recuperare la gara con la Juventus. Primo tempo dominato dagli azzurri, in casacca rossa per la giornata mondiale contro l’Aids, che nel giro di una ventina di minuti segnano due gol con Cardoselli e Valente e colpiscono un incrocio dei pali col bomber Infantino. La Carrarese parte a spron battuto per eliminare le tensioni scaturite dopo la scialba prova contro l’Albinoleffe che rischiavano di sfociare con le dimissioni del tecnico Baldini. Per tre giorni il mister apuano non si era presentato agli allenamenti e una lettera a cuore aperto della squadra lo aveva fatto ritornare sulla sua decisione. Al 7’ Foresta lancia Cardoselli sulla destra che approfitta di una incertezza di Quagliata per presentarsi tutto solo davanti all’ex Moschin battuto dal diagonale del trequartista carrarese. Gli azzurri sono corsi tutti ad abbracciare Baldini in panchina. Al 21’ grande azione personale di Infantino che fa fuori due avversari per poi sparare contro l’incrocio dei pali da distanza ravvicinata. Un minuto dopo il raddoppio: cross di Mignanelli dalla sinistra e Valente sottomisura devia in rete. Carrarese in controllo ma un erroraccio rimette in corsa la Pro Vercelli: sulla trequarti Damiani colpisce di testa all’indietro e prende in controtempo Ciancio e Tedeschi che stavano uscendo dall’area e la palla così finisce a Rosso che aggira Forte in uscita per segnare a porta vuota. Nella ripresa la Pro Vercelli accentua la pressione e all’8’ dopo un pasticcio di Murolo, Masi ruba palla allo stopper e serve Comi che spacca il palo alla destra di Forte. Al 32’ Masi inciampa goffamente al limite dell’area e per impedire a Cardoselli di filare solo verso Moschini ferma la sfera con la mano e l’arbitro estrae prima il giallo e poi il rosso perché l’esperto difensore era già stato ammonito nel primo tempo. La punizione dal limite dello stesso Cardoselli sorvola la traversa. Al 40’ altra frittata in difesa: su rilancio di Moschin, Murolo e Forte non si intendono, ne approfitta Schiavon che libera Comi sulla destra per il facile gol del pareggio a porta vuota. Baldini getta nella mischia Tavano e Maccarone per l’assedio finale che produce il rigore e il gol vittoria realizzato con freddezza dal bomber 40enne, al terzo centro stagionale.

«Questa è la vittoria di Marco Marchionni, di Mauro Nardini che lo ha assistito in panchina in questa settimana, della squadra e della società a partire da Manrico Gemignani e Alberto Franchi». Non è stata una settimana come le altre per la Carrarese quella che ha portato al match di ieri contro la Pro Vercelli. Dopo il brutto ko esterno con l’Albinoleffe Silvio Baldini (nella foto) ha deciso di fare un passo indietro e disertare il campo di allenamento per tre giorni consecutivi nella speranza di scuotere i suoi giocatori. Un risultato centrato in pieno a vedere la carica con cui gli azzurri, per l’occasione vestiti di rosso per celebrare la giornata mondiale della lotta all’Aids, hanno aggredito gli avversari fin dalle prime battute di gioco. E’ così arrivata una vittoria fondamentale per la quale Baldini rende merito a chi ha seguito la squadra durante la sua assenza. «Io, sia chiaro – spiega il tecnico azzurro – sono andato in panchina solo per metterci la faccia nel caso avessimo perso. Sono però soddisfattissimo di quanto abbiamo fatto e per questo dobbiamo fare i complimenti a Marchionni, Nardini e a tutti gli altri. Sono stati bravissimi a compattare la squadra. Nel calcio sbagalire ci sta sempre, ma la Carrarese ci ha messo l’anima e anche sul 2 a 2 non si è mai scomposta continuando a cercare la vittoria. Una vittoria come questa mi ripaga di qualsiasi sacrificio e di qualsiasi sofferenza io abbia patito in settimana. Vincere in questo modo, con un rigore all’ultimo minuto, è meglio persino di vincere la lotteria Italia«. Un ultimo pensiero Baldini lo dedica poi ai suoi ragazzi che sono corsi ad abbracciarlo dopo il primo gol e a tutti i tifosi azzurri che gli hanno riservato cori e striscioni di incoraggiamento. «Cose del genere mi fanno emozionare. Dopo quell’esultanza e quello striscioni sono stati la cosa più importante, perché mi hanno dimostrato la solidarietà delle persone a cui tengo«. «Brucia perdere in questo modo – è invece il laconico commento dell’allenatore della Pro Vercelli, Alberto Gilardino – fa male e si rosica tanto».

CARRARESE (4-3-3): Forte; Ciancio, Murolo, Tedeschi, Mignanelli; Foresta, Damiani (41’ st Maccarone), Cardoselli (37’ st Agyei); Valente, Infantino, Calderini (41’ st Tavano). A disp.: Pulidori, Mezzoni, Badan, Conson, Rizzo, Pasciuti, Fortunati, Manneh. All. Baldini. PRO VERCELLI (4-3-3): Moschin; Franchino, Masi, Auriletto, Quagliata; Mal (23’ st Della Morte), Schiavon, Varas; Azzi (23’ st Cecconi), Comi (41’ st Bani), Rosso (35’ st Carosso). A disp.: Saro, Iezzi, Pisanello, Erradi, Foglia, Merio, Romairone, Russo. All. Gilardino. Arbitro: Daniele De Tommaso di Rimini (Tiziana Trasciatti di Foligno e Marco Della Croce di Rimini). Marcatori: 7’ pt Cardoselli, 22’ pt Valente, 28’ pt Rosso, 40’ st Comi, 50’ st Tavano (rigore). Note: spettatori 1048, incasso 3900 euro, espulso Masi al 32’ st per doppia ammonizione, ammoniti Foresta, Forte, Damiani, Franchino, Auriletto, recupero 1’ e 5. 

Forte 5,5. Partecipa alla frittata che regala il raddoppio alla Pro. Ciancio 5,5. Avrebbe spazio per lanciarsi all’arrembaggio sulla sua corsia, ma tiene sempre il freno a mano tirato. Tedeschi 5. Ingannato dallo sciagurato retropassaggio di Damiani si fa scappare Rosso in occasione del gol ospite. Non è però l’unica incertezza. Murolo 5. Molto nervoso, non riesce mai a essere pulito nei suoi interventi, regala la rete del raddoppio a Comi. Mignanelli 6. Parte carico a molla arando la fascia come un pendolino e servendo un assist al bacio per Valente, meno bene nella ripresa. Foresta 6. Rimedia ancora una volta un’ammonizione ingenua in avvio che lo condiziona a lungo, ma è comunque anche grazie alla sua dinamicità che la barca resta a galla. Damiani 5,5. Sbaglia tempi e misure del retropassaggio e spalanca la strada della rete a Rosso. Un errore da matita blu. Dal 41’st Maccarone sv. Cardoselli 7. Prima una magia e poi una corsa folle ad abbracciare Baldini, gli sono bastati 7 minuti appena per cancellare una settimana di preoccupazioni. Dal 38’ st Agyei sv. Valente 6,5. Un guizzo da rapace d’area di rigore gli vale la terza rete in campionato, a tempo scaduto provoca il rigore del 3 a 2. Infantino 6,5. Sgomita, protegge la palla e attacca la porta, peccato manchi la stoccata decisiva. Calderini 6,5. La fascia è il suo terreno di caccia e lui ci si getta come un leone affamato buttandosi su ogni pallone che passa. Dal 41’ st Tavano 7. Glaciale dal dischetto. 

tratto da La Nazione

Per restare aggiornato consulta la PAGINA FACEBOOK e il PROFILO TWITTER

Classifica

Squadra
Punti
1 Monza 45
2 Renate 32
3 Pontedera 32
4 Robur Siena 31
5 Carrarese 30
6 Novara 29
7 Arezzo 25
8 Alessandria 25
9 Albinoleffe 25
10 Pro Vercelli 23
11 Como 22
12 Pistoiese 22
13 Juventus U23 22
14 Pro Patria 21
15 Pianese 18
16 Lecco 18
17 Gozzano 15
18 Pergolettese 15
19 Olbia 11
20 Giana E. 10

Tesseramento

 

Materiale

Diventa Sponsor

Sostienici

Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti, per migliorare la tua esperienza e offrire servizi in linea con le tue preferenze. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all’uso dei cookie. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie premi sul pulsante "Cookie Policy".